Richiedere una pubblicazione di matrimonio

  • Servizio attivo

Servizio per la richiesta di autorizzazione previa celebrazione dei matrimoni civili


A chi è rivolto

Possono fare la richiesta di pubblicazioni coloro che hanno i requisiti necessari previsti dal codice civile, ovvero due persone:

  • di diverso sesso e di stato libero, cioè non legati da un precedente matrimonio civile o  religioso con effetti civili;
  • non legate tra loro da vincoli di parentela, di affinità, di adozione e affiliazione nei gradi stabiliti dal codice civile (salvo autorizzazione del Tribunale competente);
  • maggiorenni o che abbiano compiuto il sedicesimo anno di età se muniti di autorizzazione del Tribunale dei Minorenni;
  • cittadini stranieri in possesso del "nulla osta" o "certificato di capacità.matrimoniale" rilasciato dall’autorità consolare straniera presente sul territorio italiano o dalla competente autorità del proprio Stato di cittadinanza  con relativa legalizzazione nei casi previsti.

Descrizione

La pubblicazione di matrimonio ha lo scopo di rendere nota l’intenzione delle due persone interessate di contrarre matrimonio tra di loro. Questo perché chi ne abbia facoltà possa opporsi alla celebrazione, se a conoscenza di fatti (previsti dal Codice Civile) che siano di impedimento al matrimonio.

Per potere celebrare un matrimonio con rito civile o religioso avente effetti civili, occorre fare richiesta di pubblicazioni presso il Comune dove uno dei due futuri sposi è residente.

Le pubblicazioni restano affisse per 8 giorni consecutivi, presso l'Albo Pretorio online dei Comuni di residenza dei futuri sposi. Il matrimonio deve essere celebrato entro 6 mesi (180 giorni) decorrenti dal 4°giorno successivo al termine dell’ultima pubblicazione. L'ufficio di Stato Civile, dopo aver ricevuto la documentazione, verifica il possesso dei requisiti, l’assenza di impedimenti e contatta i futuri sposi per fissare l’appuntamento per sottoscrivere il verbale di pubblicazione o per comunicare loro l’esistenza di impedimenti alla stessa

Come fare

E’ necessario rivolgersi all’ufficio di stato civile del Comune di residenza di almeno uno degli sposi. Puoi effettuare la richiesta direttamente online. Sarà successivamente possibile seguirne lo stato d'avanzamento nella propria area personale.

L'indirizzo che fornirai nel campo "E-mail contatto" sarà quello in cui riceverai le eventuali comunicazioni telematiche inerenti la pratica.

Cosa serve

Per accedere al servizio, assicurati di avere:

  • SPID (Sistema Pubblico per la gestione dell'Identità Digitale), oppure Carta identità elettronica (CIE);
  • In caso di rito religioso, richiesta di pubblicazioni del parroco o copia del decreto ministeriale di approvazione della nomina a Ministro di culto (Culti senza Intese) o indicazione del Ministro di culto individuato per la celebrazione (Culti con Intese);
  • Decreto autorizzatorio del Tribunale ove necessario;
  • "nulla osta" o "certificato di capacità.matrimoniale" rilasciato dall’autorità consolare straniera presente sul territorio italiano o dalla competente autorità del proprio Stato di cittadinanza con relativa legalizzazione nei casi previsti (in alcuni casi potrà essere richiesta anche la presentazione dell’atto di nascita munito di traduzione e legalizzazione ove necessaria)

Cosa si ottiene

Con l'invio dell'istanza e la successiva verifica dei requisiti da parte dell'ufficio di Stato Civile otterrai un appuntamento per la sottoscrizione del verbale presso l'ente. All'appuntamento dovranno essere presenti  i futuri sposi muniti di un proprio documenti d’identità in corso di validità e di n. 1 (una) marca da bollo da € 16,00 se i nubendi sono entrambi residenti nello stesso comune, di n. 2 (due ) marche da bollo da € 16,00 se sono residenti in comuni differenti. Dovrà inoltre essere consegnata in originale la documentazione prevista.

Tempi e scadenze

Dopo la presentazione della richiesta l’Ufficiale di stato civile prende visione dei documenti acquisiti o presentati dai nubendi e verifica i requisiti previsti dall’art.84 all’art.89 e  dall’art.116 del Codice Civile. I documenti necessari alle pubblicazioni, già in possesso di altre pubbliche amministrazioni, vengono richiesti direttamente a tali enti da parte dell’Ufficiale di stato civile.

Successivamente alla sottoscrizione del verbale di pubblicazione di matrimonio, l’atto di pubblicazione viene esposto all’Albo Pretorio informatico del Comune per i tempi previsti dalla legge. Se i nubendi risiedono in due Comuni distinti l’atto di pubblicazione viene affisso anche nell’altro Comune su richiesta dell’Ufficiale di Stato Civile che ha ricevuto l’istanza di pubblicazione da parte dei nubendi.

Scaduti i termini delle pubblicazioni previsti dalla legge e dopo ulteriori 3 giorni dal termine dell’ultima pubblicazione per eventuali opposizioni, i nubendi hanno 180 giorni di tempo per contrarre il matrimonio. Se trascorsi 180 giorni decorrenti dal quarto giorno successivo al termine dell’ultima pubblicazione, il matrimonio non è stato celebrato, la pubblicazione scade senza produrre effetti e per contrarre il matrimonio occorre procedere ad una nuova pubblicazione.

La durata del procedimento di 30 giorni che visualizzerai nella sezione “prossimi passi” inviando la richiesta, viene rispettata salvo necessità dell’Ente di procedere alla sospensione dei termini per l’acquisizione di documentazione integrativa da terzi utile allo sviluppo della fase istruttoria, come previsto dalla legge 241/1990 art. 6. Le eventuali sospensioni e conseguenti riprese dei termini verranno comunicate al cittadino.

Nel caso di matrimonio religioso con effetti civili, a conclusione del procedimento, verrà rilasciata la necessaria documentazione da produrre al Ministro di culto.

Quanto costa

La richiesta è gratuita.

Successivamente, dovrà essere fornita all'Ufficio, in sede di firma del verbale di  pubblicazioni, n. 1 (una) marca da bollo da € 16,00 se i nubendi sono entrambi residenti nello stesso comune, di n. 2 (due ) marche da bollo da € 16,00 se sono residenti in comuni differenti.

Accedi al servizio

Richiedere una pubblicazione di matrimonio

Oppure, puoi prenotare un appuntamento e presentarti presso gli uffici.

Ulteriori informazioni

A titolo informativo, nel caso di matrimonio civile per l’utilizzo di una delle sale comunali individuate per la celebrazione e procedere con l’eventuale relativo pagamento è necessario accedere al servizio "Prenotazione appuntamento" MyCalendar - prenotazione risorse

Condizioni di servizio

Per conoscere i dettagli di scadenze, requisiti e altre informazioni importanti, leggi i termini e le condizioni di servizio.

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2
Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2
Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2
Inserire massimo 200 caratteri